SERVICES

Il 2019 parte con 138 tavoli di crisi

Roma - Sono 138 i tavoli di crisi aperti al Ministero dello sviluppo economico, con circa 210 mila dipendenti coinvolti (senza contare l’indotto). Parte con questi numeri il 2019 sul fronte delle crisi aziendali

Roma - Sono 138 i tavoli di crisi aperti al Ministero dello sviluppo economico, con circa 210 mila dipendenti coinvolti (senza contare l’indotto). Parte con questi numeri il 2019 sul fronte delle crisi aziendali.

Nel settore dei trasporti è soprattutto il ferroviario a soffrire di più, con le situazioni di difficoltà dell’ex Firema e recentemente di Bombardier, che a settembre ha annunciato di non poter garantire il mantenimento del sito di Vado Ligure: il Governo ha chiesto alla società canadese di mettere in campo in tempi brevi «tutte le azioni necessarie a garantire la strategicità del sito produttivo» e il tavolo è stato aggiornato alla fine di gennaio. Le crisi aziendali affliggono un pò tutto il territorio nazionale, ma molte risultano concentrate nel Centro Italia, in particolare in Abruzzo.

Eppure proprio nella regione del Gran Sasso, si sta risolvendo positivamente una delle crisi che hanno caratterizzato il 2018, la Honeywell di Atessa (Chieti): la vertenza sembra infatti ormai ben avviata, con l’acquisizione dello stabilimento da parte di Baomarc Automotive Solutions, azienda leader nel campo della siderurgia, con un investimento da 1,85 milioni e il reinserimento di 162 lavoratori. A gennaio si riparte con un’agenda fitta per il Mise, con numerosi tavoli, da IperDì a Ferroli, dalle Acciaierie di Terni al Bombardier e Piaggio Aero. Gennaio sarà un mese cruciale anche per Alitalia: il salvataggio dell’ex compagnia di bandiera è nelle mani di Fs che entro il 31 gennaio deve mettere a punto il piano industriale. I sindacati intanto si sono dati appuntamento con il ministro Di Maio per una verifica verso metà mese.

Pressed for time?

Get the best news of the week in your inbox

Subscribe ››